STORIA DEL PENSIERO POLITICO ANTICO E MEDIEVALE

Insegnamento
STORIA DEL PENSIERO POLITICO ANTICO E MEDIEVALE
Insegnamento in inglese
HISTORY OF ANCIENT AND MEDIEVAL POLITICAL THOUGHT
Settore disciplinare
M-FIL/08
Corso di studi di riferimento
FILOSOFIA
Tipo corso di studio
Laurea
Crediti
12.0
Ripartizione oraria
Ore Attività Frontale: 60.0
Anno accademico
2022/2023
Anno di erogazione
2022/2023
Anno di corso
1
Lingua
ITALIANO
Percorso
PERCORSO COMUNE
Docente responsabile dell'erogazione
RUBINO ELISA

Descrizione dell'insegnamento

3) Prerequisiti

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della terminologia filosofica. Trattandosi di insegnamento rivolto a studenti e studentesse del I anno, si prescinderà dalla richiesta di conoscenze preliminari, ma i frequentanti saranno tenuti ad informarsi, mediante il manuale consigliato, sulle dottrine dei filosofi antichi menzionate volta a volta nelle lezioni e, mediante un Dizionario dei termini filosofici, sul significato di termini tecnici che verranno usati a lezione.

“STORIA DEL PENSIERO POLITICO ANTICO E MEDIEVALE”
Corso di Laurea Triennale in Filosofia - Primo anno
AA 2020/2021
– docente titolare: prof.ssa Elisa Rubino
Semestre I
Crediti 12
Argomento del corso: Giustizia o legalità? Origine e funzione delle leggi nei dialoghi di Platone

Argomento del corso: La prima parte del corso sarà dedicata a fornire conoscenze di base della storia della filosofia medievale, partendo però dalla filosofia platonica e da quella aristotelica. Saranno trattati con attenzione anche i temi che caratterizzano la storia della filosofia araba nel Medioevo.

Nella seconda parte del corso invece sarà esaminato l’origine e la funzione delle leggi in alcuni dialoghi di Platone. Particolare attenzione sarà data alle Leggi. L’idea di giustizia sarà infatti considerata anche in rapporto alla dottrina platonica del ruolo delle leggi all’interno della città. L’esame del tema della giustizia sarà condotto inoltre secondo la successiva discussione sviluppatasi nel Medioevo, leggendo e commentando passi scelti degli autori che hanno affrontato in modo significativo l’argomento (Giovanni di Salisbury, Alberto il Grande, Marsilio da Padova, etc.).

1) Presentazione e obiettivi del corso

Il corso si propone di presentare nella prima parte una sintesi dello sviluppo storico del pensiero filosofico antico e medievale, con attenzione anche alla tradizione araba.

In una seconda parte verranno letti e commentati alcuni classici del pensiero antico e medievale. Oggetto di analisi e commento specifici saranno:

– Platone, Leggi, edizione italiana con testo greco a fronte.

 

Saranno forniti a lezione, e poi messi a disposizione degli studenti, passi scelti di testi utili per la comprensione del pensiero politico di Platone e Aristotele, e della loro ricezione nel mondo medievale.

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

L’insegnamento di Storia del pensiero politico antico e medievale si propone di fornire allo studente gli strumenti conoscitivi che permettano di leggere e commentare autonomamente un testo filosofico e di presentarne i temi fondamentali in modo chiaro e preciso. Lo studio del manuale e della letteratura secondaria servirà a fornire le coordinate storiche e concettuali all’interno delle quali verranno situati i testi oggetto della seconda parte del corso. Verrà avviato lo sviluppo della capacità di analizzare criticamente i testi, inserendoli nel loro contesto storico e individuandone i temi più rilevanti, di comunicare in modo appropriato con i colleghi studenti e con il docente le proprie argomentazioni, e di utilizzare risorse complementari a disposizione (motori di ricerca sul web, strumenti bibliografici) per creare un personale percorso di approfondimento.

 

 

4) Docenti coinvolti nel modulo didattico

Oltre al titolare del corso, possono essere coinvolti nell’insegnamento in oggetto altri docenti, che potranno sviluppare temi specifici dell’argomento studiato.

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

L’insegnamento si compone di lezioni frontali. Eventuali seminari di approfondimento verranno organizzati sulla base delle esigenze che emergeranno nel corso delle lezioni.

La frequenza delle lezioni è vivamente consigliata.

7) Modalità di valutazione degli studenti

Prova orale. La prova verrà di regola suddivisa in due parti.

La prima verterà sullo sviluppo storico della storia della filosofia medievale, che lo studente ricaverà dallo studio del manuale e della letteratura secondaria.

Nella valutazione si terrà conto di 1) capacità di sintesi nell’esposizione; 2) proprietà e consapevolezza terminologica e di linguaggio; 3) rigore argomentativo.

La seconda parte verterà sui testi filosofici da leggere integralmente, brani dei quali dovranno essere letti esposti e commentati. Nella valutazione della seconda parte si terrà conto, oltre ai tre criteri già indicati, di 4) capacità di contestualizzazione dei brani scelti all’interno dell’opera complessiva; 5) capacità di muoversi all’interno delle opere filosofiche in discussione attraverso la proposta di congruenti riferimenti. Un ulteriore criterio sarà l’appropriatezza delle cognizioni generali relative alla storia, alla geografia e alla religione nel periodo di cui si discute.

8) Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Eventuale svolgimento dell’esame su piattaforma Microsoft Teams sarà preventivamente comunicato.

 

Appelli d’esame

18 gennaio

1 febbraio 2023

6 aprile

18 maggio

7 giugno

17 giugno

1 luglio

1 settembre

25 ottobre (appello riservato a laureandi, fuori corso e studenti iscritti in corso all'ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del II semestre)

 

Commissione d'esame:

Elisa Rubino (Presidente), Fiorella Retucci, Nadia Bray, Fabio Sulpizio, Anna Rita Gabellone

Corso di insegnamento AA 2022/2023

“STORIA DEL PENSIERO POLITICO ANTICO E MEDIEVALE”
Corso di Laurea Triennale in Filosofia - Primo anno
AA 2022/2023
– docente titolare: prof.ssa Elisa Rubino
Semestre I
Crediti 12
Argomento del corso: Giustizia o legalità? Origine e funzione delle leggi nei dialoghi di Platone

Argomento del corso: La prima parte del corso sarà dedicata a fornire conoscenze di base della storia della filosofia medievale, partendo però dalla filosofia platonica e da quella aristotelica. Saranno trattati con attenzione anche i temi che caratterizzano la storia della filosofia araba nel Medioevo.

Nella seconda parte del corso invece sarà esaminato l’origine e la funzione delle leggi in alcuni dialoghi di Platone. Particolare attenzione sarà data alle Leggi. L’idea di giustizia sarà infatti considerata anche in rapporto alla dottrina platonica del ruolo delle leggi all’interno della città. L’esame del tema della giustizia sarà condotto inoltre secondo la successiva discussione sviluppatasi nel Medioevo, leggendo e commentando passi scelti degli autori che hanno affrontato in modo significativo l’argomento (Giovanni di Salisbury, Alberto il Grande, Marsilio da Padova, etc.).

1) Presentazione e obiettivi del corso

Il corso si propone di presentare nella prima parte una sintesi dello sviluppo storico del pensiero filosofico antico e medievale, con attenzione anche alla tradizione araba.

In una seconda parte verranno letti e commentati alcuni classici del pensiero antico e medievale. Oggetto di analisi e commento specifici saranno:

– Platone, Leggi, edizione italiana con testo greco a fronte.

 

Saranno forniti a lezione, e poi messi a disposizione degli studenti, passi scelti di testi utili per la comprensione del pensiero politico di Platone e Aristotele, e della loro ricezione nel mondo medievale.

 

Testi d’esame:

Manuale:

– P. Porro, C. Esposito, Filosofia. Antichità e medioevo, Vol. I, Laterza, Bari 2009 (solo parte relativa al Medioevo, da Agostino a Dante).

Classici, un testo a scelta tra:

– Platone, Leggi, edizione italiana con testo greco a fronte (passi scelti).
 

– Platone, La Repubblica, libri I e II, a cura di Mario Vegetti (Testo greco a fronte), BUR Rizzoli, Milano 2006 (o altra edizione o ristampa).

 

Saranno forniti a lezione, e poi messi a disposizione degli studenti, passi scelti di testi utili per la comprensione del pensiero politico di Platone e Aristotele, e della loro ricezione nel mondo medievale.

 

Letteratura secondaria, un testo a scelta tra:

– L. Sturlese, Filosofia nel Medioevo, Carocci, Roma 2014.

– M. Bonazzi, Processo a Socrate, Laterza, Bari 2018.

– Mario Vegetti, Quindici lezioni su Platone, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2003.

– Enrico Berti, Il bene di chi? Bene pubblico e bene privato nella storia, Marietti, Bologna 2014.

– Mario Vegetti, Un paradigma in cielo. Platone politico da Aristotele al Novecento, Carocci, Roma 2009.

– Kurt M. Flasch, Introduzione alla filosofia medievale, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2002.

– Gianluca Briguglia, Il pensiero politico medievale, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2018.

– Massimo Campanini, Introduzione alla filosofia islamica, Laterza Biblioteca di Cultura Moderna, Roma-Bari 2004.

– Jean-Baptiste Brenet, Averroè l’inquietante. L’Europa e il pensiero arabo, Carocci, Roma,  2019.

– C. D’Ancona (a cura di), Storia della filosofia nell’Islam medievale, vol. secondo, Einaudi 2005.

– D. Gutas, Pensiero greco e cultura araba, a cura di C. D’Ancona, Einaudi, Torino 2002.

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

L’insegnamento di Storia del pensiero politico antico e medievale si propone di fornire allo studente gli strumenti conoscitivi che permettano di leggere e commentare autonomamente un testo filosofico e di presentarne i temi fondamentali in modo chiaro e preciso. Lo studio del manuale e della letteratura secondaria servirà a fornire le coordinate storiche e concettuali all’interno delle quali verranno situati i testi oggetto della seconda parte del corso. Verrà avviato lo sviluppo della capacità di analizzare criticamente i testi, inserendoli nel loro contesto storico e individuandone i temi più rilevanti, di comunicare in modo appropriato con i colleghi studenti e con il docente le proprie argomentazioni, e di utilizzare risorse complementari a disposizione (motori di ricerca sul web, strumenti bibliografici) per creare un personale percorso di approfondimento.

3) Prerequisiti

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della terminologia filosofica. Trattandosi di insegnamento rivolto a studenti e studentesse del I anno, si prescinderà dalla richiesta di conoscenze preliminari, ma i frequentanti saranno tenuti ad informarsi, mediante il manuale consigliato, sulle dottrine dei filosofi antichi menzionate volta a volta nelle lezioni e, mediante un Dizionario dei termini filosofici, sul significato di termini tecnici che verranno usati a lezione.

4) Docenti coinvolti nel modulo didattico

Oltre al titolare del corso, possono essere coinvolti nell’insegnamento in oggetto altri docenti, che potranno sviluppare temi specifici dell’argomento studiato.

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

L’insegnamento si compone di lezioni frontali. Eventuali seminari di approfondimento verranno organizzati sulla base delle esigenze che emergeranno nel corso delle lezioni.

La frequenza delle lezioni è vivamente consigliata.

6) Materiale didattico

Il materiale didattico è costituito dai libri di testo consigliati, e dal materiale messo a disposizione degli studenti frequentanti durante il corso della lezione.

7) Modalità di valutazione degli studenti

Prova orale. La prova verrà di regola suddivisa in due parti.

La prima verterà sullo sviluppo storico della storia della filosofia medievale, che lo studente ricaverà dallo studio del manuale e della letteratura secondaria.

Nella valutazione si terrà conto di 1) capacità di sintesi nell’esposizione; 2) proprietà e consapevolezza terminologica e di linguaggio; 3) rigore argomentativo.

La seconda parte verterà sui testi filosofici da leggere integralmente, brani dei quali dovranno essere letti esposti e commentati. Nella valutazione della seconda parte si terrà conto, oltre ai tre criteri già indicati, di 4) capacità di contestualizzazione dei brani scelti all’interno dell’opera complessiva; 5) capacità di muoversi all’interno delle opere filosofiche in discussione attraverso la proposta di congruenti riferimenti. Un ulteriore criterio sarà l’appropriatezza delle cognizioni generali relative alla storia, alla geografia e alla religione nel periodo di cui si discute.

8) Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Eventuale svolgimento dell’esame su piattaforma Microsoft Teams sarà preventivamente comunicato.

9) Commissione di esame: Elisa Rubino (Presidente), Fiorella Retucci, Nadia Bray, Fabio Sulpizio

 

Appelli d’esame (da approvare)

18 gennaio

1 febbraio 2022

6 aprile

18 maggio

7 giugno

17 giugno

1 luglio

1 settembre

25 ottobre (appello riservato a laureandi, fuori corso e studenti iscritti in corso all'ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del II semestre)

 

Commissione d'esame:

Elisa Rubino (Presidente), Fiorella Retucci, Nadia Bray, Fabio Sulpizio, Anna Rita Gabellone

Testi d’esame:

Manuale:

– P. Porro, C. Esposito, Filosofia. Antichità e medioevo, Vol. I, Laterza, Bari 2009 (solo parte relativa al Medioevo, da Agostino a Dante).

Classici, un testo a scelta tra:

– Platone, Leggi, edizione italiana con testo greco a fronte (passi scelti).
 

– Platone, La Repubblica, libri I e II, a cura di Mario Vegetti (Testo greco a fronte), BUR Rizzoli, Milano 2006 (o altra edizione o ristampa).

 

Saranno forniti a lezione, e poi messi a disposizione degli studenti, passi scelti di testi utili per la comprensione del pensiero politico di Platone e Aristotele, e della loro ricezione nel mondo medievale.

 

Letteratura secondaria, un testo a scelta tra:

– L. Sturlese, Filosofia nel Medioevo, Carocci, Roma 2014.

– M. Bonazzi, Processo a Socrate, Laterza, Bari 2018.

– Mario Vegetti, Quindici lezioni su Platone, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2003.

– Enrico Berti, Il bene di chi? Bene pubblico e bene privato nella storia, Marietti, Bologna 2014.

– Mario Vegetti, Un paradigma in cielo. Platone politico da Aristotele al Novecento, Carocci, Roma 2009.

– Kurt M. Flasch, Introduzione alla filosofia medievale, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2002.

– Gianluca Briguglia, Il pensiero politico medievale, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2018.

– Massimo Campanini, Introduzione alla filosofia islamica, Laterza Biblioteca di Cultura Moderna, Roma-Bari 2004.

– Jean-Baptiste Brenet, Averroè l’inquietante. L’Europa e il pensiero arabo, Carocci, Roma,  2019.

– C. D’Ancona (a cura di), Storia della filosofia nell’Islam medievale, vol. secondo, Einaudi 2005.

– D. Gutas, Pensiero greco e cultura araba, a cura di C. D’Ancona, Einaudi, Torino 2002.

Semestre
Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Tipo esame
Non obbligatorio

Valutazione
Orale - Voto Finale

Orario dell'insegnamento
https://easyroom.unisalento.it/Orario

Scarica scheda insegnamento (Apre una nuova finestra)(Apre una nuova finestra)